MIRTAMI - SU

Avete presente il tiramisù? Ecco questo è tutt'altra cosa: un dolce al mirto di Sardegna!
Avete presente quando assaggiate un piatto in un ristorante e poi volete subito provare a riprodurlo a casa?
Bene, a me questo capita spesso, come in questo caso, solo che la maggior parte delle volte ci metto due o tre anni, perdo nozione del sapore del piatto gustato e finisco per confezionarne uno nuovo completamente diverso. 
Il Mirtami - sù, a vago ricordo e imitazione del classico tiramisù, è retaggio di una cena lontana in un agriturismo della Gallura: descritto nel menù come un tiramisù al mirto, ne ho voluto deliberatamente cambiare il nome, sia per differenziarmi da quello servitomi al ristorante, che ricordo fosse a base di mascarpone, sia per definirne l'identità. 
Tutti ingredienti tipici sardi, per un fresco dessert adatto a tutte le stagioni. 
Ovviamente, dato che parliamo di un dolce a cucchiaio, potete scegliere se proporlo intero, in una bella teglia dai bordi alti, oppure in monoporzione: le dosi rimarranno comunque uguali, mentre i savoiardi diminuiranno sensibilmente nel caso optaste per la seconda scelta.


Ingredienti per 6 persone 

Per la crema
  • 600 g di ricotta di pecora cremosa
  • 2 uova 
  • 150 g di zucchero
  • 50 g acqua 
Per la base
  • un pacco di savoiardi di Fonni 
  • 200 ml di acqua 
  • 50 ml di zucchero 
  • 125 ml di liquore di mirto 
Cacao amaro in polvere per decorare. 

Versate in un pentolino 200 ml di acqua, unite lo zucchero e mescolate bene. Trasferite tutto sul fuoco e portate a bollore, mescolando spesso così che lo sciroppo non attacchi sui bordi.
Fate bollire il tutto una decina di minuti, fintanto che il liquido si sarà leggermente rappreso e la sua consistenza sarà diventata vischiosa. Lasciate raffreddare.
In ultimo aggiungete il mirto e mescolate bene.

Lavorate la ricotta a crema: utilizzate una frusta elettrica, sbattete tutto alla massima velocità per qualche minuto, in modo da eliminare eventuali grumi.

Ora pastorizzate le uova (procedimento importante per evitare salmonelle varie)
Versate i tuorli in una ciotola larga d'acciaio.
Mettete sul fuoco un pentolino con l'acqua e lo zucchero, e, monitorando la temperatura con un termometro per alimenti, portate il composto a 121°C.
Versate ora a filo lo zucchero sulle uova.
Quando la temperatura sarà scesa a 116°C, cominciate a montare con le fruste elettriche. Lavorate gli ingredienti alla massima velocità fino a quando il composto sarà diventato completamente freddo e il suo volume sarà aumentato di almeno un terzo.
Ora unite la ricotta, e date un'ultima mescolata con le fruste a media velocità, per amalgamare bene la crema. Tenete da parte al fresco.

Prendete i savoiardi e, ad uno ad uno, immergeteli nello sciroppo al mirto: fate questa operazione molto velocemente, mi raccomando, così da non inzuppare troppo i biscotti e renderli "superalcolici"e foderate tutto il fondo della teglia con i savoiardi. 
Coprite con metà della crema alla ricotta, livellate bene e ricominciate con un altro strato di savoiardi imbevuti nel mirto. 
Terminate infine con la crema alla ricotta rimasta, livellate bene e completate con una spolverata di cacao amaro in polvere. 




Commenti



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...