GENOVA.

7 Ottobre 1970
23 Settembre 1993
04 Novembre 2011
09 Ottobre 2014.

NON ci sono molte parole da dire.

Oggi rispetto e silenzio per chi per l'ennesima volta ha perso tutto, anche la vita.
Solo un piccolo pensiero: tutte le volte i genovesi si rimboccano le maniche e rimettono in sesto cio' che la furia della natura porta via. Furia della natura, ostacolata dal cemento posato sconsideratamente dalla mano dell'uomo.

Vi lascio Dolcenera di Faber. Una canzone sull'alluvione che colpi' Genova nel 1970.



Amiala ch'a l'arìa amia cum'a l'é cum'à l'é
amiala ch'a l'arìa amìa ch'a l'é le ch'a l'é le
Amiala cum'a l'aria amia amia cum'a l'é
amiala ch'a l'arìa amìa ch'a l'é le
(Guardala che arriva guarda com'è com'è
guardala come arriva guarda che è lei che è lei
guardala come arriva guarda guarda com'é
guardala che arriva guarda che è lei che è lei)


Nera che porta via
che porta via la via
nera che non si vedeva
da una vita intera
così dolcenera nera
nera che picchia forte
che butta giù le porte 


e ch'a l'é le nu l'é
 l'aegua ch'a fa baggià
imbaggià imbaggià

(non è l'acqua che fa sbadigliare
ma chiudere porte e finestre)


Nera di malasorte
che ammazza e passa oltre
nera come la sfortuna
che si fa la tana dove non c'è luna
nera di falde amare
che passano le bare


atru da stramuà
a nu n'à a nu n'à

(altro da distruggere
 non ne ha non ne ha)

Ma la moglie di Anselmo
non lo deve sapere
che è venuta per me
è arrivata da un'ora
e l'amore ha l'amore
come solo argomento
e il tumulto del cielo
ha sbagliato momento.


Acqua che non si aspetta
altro che benedetta
acqua che porta male
sale dalle scale
sale senza sale sale
acqua che spacca il monte
che affonda terra e ponte


nu l'è l'aegua de 'na rammà
'n calabà 'n calabàma 
(non e' l'acqua di una botta di pioggia

un casino, un gran casino)

Anselmo
sta sognando del mare
quando ingorga gli anfratti
si ritira e risale
e il lenzuolo si gonfia
sul cavo dell'onda
e la lotta si fa scivolosa e profonda

Amiala cum'a l'arìa amìa cum'a l'é cum'a l'é
amiala cum'a l'arìa amìa ch'a l'è le ch'a l'é

(guardala come arriva guarda com'é com'é
guardala come arriva guarda che è lei che è lei)

Acqua di spilli fitti
dal cielo e dai soffitti
acqua per fotografare
per cercare i complici da maledire
acqua che stringe i fianche
tonnara di passanti.


atru da camallà
a nu n'à a nu n'à
(altro da portare via
non ne ha non ne ha)


Oltre il muro dei vetri
si risveglia la vita
che si prende per mano
a battaglia finita
come fa questo amore
che dall'ansia di perdersi
ha avuto in un giorno
la certezza di aversi.


Acqua che ha fatto sera
che adesso si ritira
bassa sfila tra la gente
come un innocente che non c'entra niente
fredda come un dolore
Dolcenera senza cuore

atru da rebellà
a nu n'à a nu n'à 

(altro da trascinare
non ne ha non ne ha)


e la moglie di Anselmo
sente l'acqua che scende
dai vestiti incollati
da ogni gelo di pelle
nel suo tram scollegato
da ogni distanza
nel bel mezzo del tempo
che adesso le avanza
così fu quell'amore
dal mancato finale
così splendido e vero
da potervi ingannare


Amiala ch'a l'arìa amia cum'a l'é cum'à l'é
amiala ch'a l'arìa amìa ch'a l'é le ch'a l'é le
Amiala cum'a l'aria amia amia cum'a l'é
amiala ch'a l'arìa amìa ch'a l'é le ch'a l'é le 

(guardala che arriva guarda com'è com'è
guardala come arriva guarda che è lei che è lei
guardala come arriva guarda guarda com'é
guardala che arriva guarda che è lei che è lei)


L'acqua di cui si parla nella canzone e' quella del Bisagno, il fiume che stanotte e' nuovamente straripato. Ecco un'immagine trovata sul web della situazione del fiume alle 23 circa... notate le onde..

Commenti

Posta un commento

Gentilmente vi chiedo di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno rimossi.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...