MOSTELLA AL VAPORE AI PROFUMI DI LIGURIA

Si parla tanto di pesce dimenticato e povero: oggi ne voglio proporre uno che e' stra dimenticato, la mostella. In Liguria, comunque si usa ancora molto, ma stando al prezzo non lo considererei un pesce povero, in altre regioni mi e' capitato di sentire che la sua commercializzazione e' andata un po' affievolendesi a causa del suo scarso consumo.
E' davvero un peccato perche' questo pesce di fondale, alla vista davvero brutto, occhi sporgenti e bocca prospiciente, ha una carne delicatissima e davvero preziosa e saporita.
La sua preparazione e' semplice al vapore o bollita, ma bisogna avere un po' di pazienza e seguirne la cottura, altrimenti si rischia di perderne la consistenza e ritrovarsi nel piatto un pesce mollo.
Di solito la si trova dal pescivendolo venduta a tranci di grossa pezzatura. Se la preparate come secondo assieme a un contorno, e' consigliato dividere il trancio a meta' dopo la cottura, anche se la carne della mostella e' talmente leggera che e' indicata per lo svezzamento dei bambini.
Oggi indovinate un po' a cosa l'abbino?? Zucchine... voglio sfruttarle fino che riescono ad esprimere il loro meglio.



Ingredienti per 4 persone
  • 2/4 tranci di mostella (a seconda della grandezza e della parte in cui il pesce viene tagliato) 400g circa
  • 4 zucchine con il fiore
  • 50 g di pinoli
  • 15 olive taggiasche denocchiolate
  • una foglia di alloro
  • olio extravergine d'oliva q.b.
  • sale e pepe nero in grani

Preparate una pentola e fatevi bollire abbastanza acqua con 4 grani di pepe nero e la foglia di alloro.
Appoggiatevi sopra la vaporiera con all'interno i tranci di mostella e cuocete a vapore non troppo forte il pesce per 15 minuti circa. Fate attenzione, controllate spesso la carne, appena sara' completamente bianca, togliete il cestello dal vapore.
Nel frattempo lavate e mondate le zucchine, tagliatele a listarelle di mezzo centimetro di spessore. Lavate i fiori e tagliate anche loro a listarelle, ma un po' piu' grandi.
In una padella scaldate 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva, unite i pinoli e le zucchine e cuocete a fuoco vivo per una decina di minuti. Verso la fine unite le olive e i fiori e completate la cottura. Salate e pepate.
Ora sistemate al centro di ogni piatto un poco di zucchine saltate e sopra la mostella privata della pelle e della spina centrale.
Servite caldo completando con un filo di olio extravergine d'oliva a crudo.

Commenti

  1. Ciao Lara, ma sai che questo pesce mi manca proprio, non l'ho mai sentito, ma dalla tua descrizione e da questa ricetta penso che sia molto buono. Lo cercherò, un bacione

    RispondiElimina
  2. e infatti, io che amo molto il pesce e lo cucino almeno 4 giorno la settimana... non lo conoscevo, e dire che la liguria è vicina al piemonte eh? capisco i pesci che si trovano in sicilia molto spesso qui non li trovo ma che caspita... non li ho mai visti. (anche io oggi postato pesce) facciamo un assaggiino da me e uno da te? :-) grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  3. Mai sentito questo pesce, ma la ricetta sembra davvero buona!! Grazie per la ricetta e a presto :)

    RispondiElimina
  4. aprire la mostella come una bistecca deliscarla passarla nell'uovo nel pane grattugiato e friggere è stupenda !

    RispondiElimina

Posta un commento

Gentilmente vi chiedo di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno rimossi.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...