IL COCKTAIL PER L'ESTATE: IL GINGER COOLER ANCHE PER GLI ASTEMI!

Oggi marito/bartender ci propone un long drink della famiglia dei Buck cocktail, che, tecnincamente parlando, significa un drink a base di succo di limone, ginger ale o beer e zenzero.
Ma la curiosità della ricetta di oggi è che è preparabile in due versioni: alcolica, con aggiunta di rum, oppure senza distillato, per una bevanda più semplice, adatta anche a chi non gradisce l'alcol.  Il Ginger Cooler è un cocktail fresco, dissetante, non troppo alcolico, per chi ama i gusti speziati e agrumati.
Uno degli ingredienti fondamentali è il ginger ale, lo reperirete facilemente nelle drogherie, o nei negozi di liquori. Mi permetto di consigliarvi quello della Fever Tree, perchè molto delicato, fatto con oli di zenzero veri, non sintentici e sopratutto dolce al punto giusto.
In più come mio tocco personale, ho voluto servire come stuzzichino, sano e leggero, una bella ciotola di taccole condite con sale in fiocchi e accompagnate da salsa di soia nella quale intingerle.



Procuratevi un bicchiere HIGHBALL, oppure, se volete fare i fighi, il calice da vino bianco è perfetto. 

Versatevi sul fondo un cucchiaino raso di zucchero di canna chiaro.

Unite poi 1/2 cucchiaino di zenzero grattugiato al microplane e la punta di cucchiaino di scorza di limone grattugiata molto fine.
Pestate delicatamente gli ingredienti sul fondo del bicchiere.

Aggiungete 4-5 cubetti di ghiaccio

Ora versate: 0.5 cl di succo di lime, un cucchiaino di sciroppo di Cedrata Tassoni, 4 cl di Ron Carta Blanca e colmate con mezza bottiglietta di Ginger Ale.

Per la versione analcolica, eliminate il rum e completate versando l'intera bottiglietta di Ginger Ale.

Infine completate decorando il bicchiere con una fetta sottile di zenzero e una bella cannuccia colorata.

Per preparare lo stuzzichino di accompagnamento, ho comperato dei freschissimi piselli mangiatutto, o anche detti taccole in certe parti d'Italia, li ho sbollentati 2 minuti e successivamente scolati in una ciotola di acqua e ghiaccio, per fargli mantenere il colore verde acceso. Invine li ho serviti in una ciotolina con una spolverata di fiocchi di sale e salsa di soia per intingerli.

Commenti

  1. Grandeee Lara! Finalmente un cocktail adatto a me! Segno subito la ricetta e non mancherò di provarlo alla prima occasione ^___^ <3 Grazie! Buonanotte!

    RispondiElimina

Posta un commento

Gentilmente vi chiedo di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno rimossi.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...